Bonus facciate: cos’è e come funziona

Previsto dall’art. 1, commi da 219 a 224 della Legge 27 dicembre 2019 n. 160 (Legge di Bilancio 2020) e prorogato per tutto il 2021 dalla Legge 30 dicembre 2020, n. 178 (Legge di Bilancio 2021), il bonus facciate è una detrazione fiscale del 90% volta al recupero del decoro architettonico delle facciate esterne degli edifici.

Applicata a tutte le diverse tipologie di immobili, la detrazione considera una ripartizione in 10 quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. Nessun limite di spesa ne massimi ne minimi di detrazione.

Bonus facciate: chi può utilizzarlo

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati e che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento.

Qui un elenco di chi può fruire dell’agevolazione:

  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;
  • le società semplici;
  • le associazioni tra professionisti;
  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali).

Per maggiori informazioni sull’argomento, leggi questo articolo!