Con la risposta all’interpello n. 560 del 26 agosto 2021, l’Agenzia delle Entrate afferma, la possibilità di impiegare il Superbonus anche per molti lavori di adeguamento antisismico tra cui quelli “di riparazione o locale”.

Per quel che riguarda il sismabonus, la detrazione prevista sale al 110% per i lavori di messa in sicurezza statica delle parti strutturali di edifici o di complessi di edifici collegati strutturalmente, individuati all’articolo 16-bis, comma 1, lett. i), del TUIR e relativi a edifici ubicati nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

Più nello specifico è possibile ottenere delle agevolazione legate al sismabonus del 110%:

  • interventi sulle coperture;
  • interventi di riparazione e ripristino della resistenza originaria di elementi strutturali in muratura e/o calcestruzzo armato e/o acciaio;
  • interventi volti a ridurre la possibilità di innesco di meccanismi locali.

Per maggiori informazioni, leggi questo articolo!