L’Agenzia delle Entrate conferma il diritto alla detrazione e ricorda i requisiti per usufruirne: nel caso siano presenti le condizioni richieste dalla legge, ha diritto ad usufruire dell’agevolazione anche chi non è proprietario dell’immobile ma lo detiene in base a un contratto di comodato d’uso.
 
Il diritto per il comodatario vale a condizione che tale contratto sia regolarmente registrato al momento dell’inizio dei lavori o, se antecedente, al momento del sostenimento delle spese.
 
La mancanza di un titolo di detenzione dell’immobile, risultante da un atto registrato, impedisce la possibilità di avere diritto alla detrazione anche nel caso si provveda alla successiva regolarizzazione.
 
È necessario, inoltre, che il comodatario sia in possesso di una dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Per saperne di più, leggi questo articolo!